Scuole


Aucouturier, padre fondatore della pratica psicomotoria, nel corso di questi decenni ci ha insegnato molto rispetto al MODO in cui è possibile accompagnare la crescita di un bambino, così come offrirgli aiuto quando si trova in difficoltà.

Ci ha insegnato “una postura”, intesa come una capacità di disporsi alla relazione, un’attitudine educativa nei confronti del bambino all’insegna del piacere del gioco spontaneo.

“Abbiamo semplificato il conoscere, l’apprendere, il narrare, come pure abbiamo semplificato, irrigidendole, le relazioni interpersonali sottraendo linguaggi e soprattutto corporeità ” (W.Fornasa).

La pratica psicomotoria di Aucouturier fa leva proprio su quanto ha a che vedere con la storia profonda del bambino è che appare minacciato: il gioco libero, il piacere del corpo, il contatto con il proprio mondo emotivo.

La contrazione di occasioni destinate a questa dimensione, l’ipercognitivizzazione nella quale la scuola precipita i bambini fin dai primissimi anni, l’inutile rincorsa verso l’anticipazione delle competenze rischiano di minare le condizioni psicologiche sulle quali i saperi possono significativamente stabilizzarsi. (Gamelli)

I nostri corsi